Sannicola

Sannicola è un Comune di 5.970 abitanti della provincia di Lecce, in Puglia. Situato nel versante ionico del Salento, a cavallo delle serre salentine, comprende le frazioni di Chiesanuova e San Simone, nonché gran parte della località costiera di Lido Conchiglie. Fu istituito nel 1908 per distacco dal comune di Gallipoli. E’ ancora oggi un centro ad economia prevalentemente agricola, nonostante la presenza di alcune realtà imprenditoriali. Da qualche anno il paese è maggiormente conosciuto nel circondario grazie alla presenza di discoteche e di una rinomata ristorazione. Essendone stata una frazione sino al 1908, Sannicola con il suo territorio condivide le stesse vicende storiche della città di Gallipoli. Pochissimo si conosce per le epoche anteriori al 1494, anno in cui la cittadina ionica fu saccheggiata e distrutta dai Veneziani. In epoca bizantina è accertata la presenza dei monaci “basiliani” e tutta la zona di Sannicola fu denominata fino al Settecento col nome greco di Rodogallo, che significa “luogo delle belle rose”. Successivamente vi fu la distinzione in “Rodogallo magno” e “Rodogallo parvo”. Questi toponimi di origine greca, al pari di altri come Renocallo o Rinocallo, secondo gli studiosi testimoniavano l’ esistenza di vari villaggi medievali successivamente distrutti o abbandonati. Ai monaci italo-greci si devono le abbazie di San Mauro e San Salvatore. Di origini “basiliane” era anche la chiesa di San Nicola, che sorgeva nello stesso luogo dell’ attuale chiesa madre di Santa Maria delle Grazie e che risultava già semidistrutta prima del 1567. Fu ricostruita nel 1640 dal chierico coniugato Domenico Musurù. Intorno all’ omonima chiesa, nel 1715, nacque l’ attuale centro urbano ad opera di umili contadini che, autorizzati dai grandi proprietari terrieri, costruirono alcune case sparse in cambio della custodia e dello sfruttamento del terreno. Nel corso del Settecento Rodogallo, che mutò il nome traendolo dal titolare della chiesa (e chiamandosi cioè San Nicola), aumentò di popolazione. I problemi amministrativi del paese, denominato Villa San Nicola per buona parte del XIX secolo, causati principalmente dalla distanza che lo separava da Gallipoli, spinsero gli abitanti a chiedere l’ autonomia amministrativa nel 1830. Lo stesso fecero gli abitanti dell’ altra frazione gallipolina, Villa Picciotti (attualmente Alezio). Tuttavia, mentre quest’ ultima riuscì ad ottenere già nel 1854 la creazione del Comune, i sannicolesi videro respinta la loro richiesta. Due nuove istanze vennero presentate nel 1889 e nel 1905. Per Legge n. 134 del 5 aprile 1908, i cittadini di San Nicola (divenuto nel frattempo Sannicola a causa di un errore), ottennero la separazione amministrativa da Gallipoli e la formazione di un Comune autonomo che aggregò a sé le borgate di Chiesanuova e San Simone.




Fonti:
- F. D’ Elia, “Origine e vicende della Chiesa e del Comune di Sannicola”, 1987.

- www.anticasannicola.it, a cura di Luigi Bidetti.

Pro Loco Sannicola

SOCIAL

Seguici anche sui nostri social per rimanere sempre aggiornato sulle nostre iniziative